RSS

Archivi tag: insalata

Sociologia da Orto47

Questo slideshow richiede JavaScript.

Stasera ho trascorso un bel po’ di tempo nell’orto.
Da sola un paio d’ore.
A dire il vero ho ricevuto la visita di mio fratello Checco accompagnato da Gianluca e dalla piccola Asia, un bastardino incredibilmente attivo. Asia mi ricorda il suo padrone durante il periodo estivo, dedicato in esclusiva alla costa tirrenica cosentina e ai suoi temporanei abitanti rigorosamente in vacanza.

Ho trascorso un po’ di tempo con Davide, il vicino di orto migliore che si possa avere.
Noi giovani leve dell’Area Ortiva maggiore oramai siamo una piccola comune che segue le vicende di ciascuno con di scrizione, mantenendo singole vite, a volte intrecciandole a volte solo abbracciandoci quando ci si incontra come fa sempre Roberto.
Davide conosce abbastanza bene le mie vicende lavorative, Gramigna e questo blog, pur non essendo un animale digitale. È un bravo papà e apprezza il suo lavoro fatto di turni notturni e quotidiani da stampare. Con lui abbiamo rotto il ghiaccio con la terra (le foto). Davide oggi mi ha regalato l’insalata e dei ravanelli purtroppo duri come pietre, l’ho scoperto dopo. In cambio Orto47 ha proposto un esemplare di cipolla di Tropea.
Io dal suo lui dal mio, scambio di raccolto!
Io e Davide abbiamo appuntamento sabato al Gay Pride, verso le 15 in porta Saragozza.

L’orto è rigoglioso.
Come dice LaLussu, si tratta di un esperimento, un microcosmo di convivenze.

Una babele di legumi, selvatice, spezie, insalate, cipolle, aglio, zucche&zucchine, cetrioli, melanzane, peperoni, biete, cicorie, cavoli, pomodori, bulbi, fragole, rucola, ornamentali, fiori, patate e persino cardi, mais e girasoli.
Ciascuna pianta ha una storia, la famiglia può essere composta da 1 solo elemento o da più di 10 come per i pomodori (datterini, pendolini persino 4 esemplari di Belmonte) o le cipolle … tutto in 30 mq di terra.

Stasera ho raccolto alcune foglie di rucola, il primo cetriolo e una stupenda Tropea che sono diventate parte della mia cena, una bella manciata di camomilla da seccare e le foglie giganti della bieta alle soglie della fioritura. Talmente coriacee, indurite da troppi mesi di vita, le foglie di bieta assomigliano a verze molto grandi, con indelebili segni dell’aggressione subita. Non le mangio subito, le calo in acqua bollente per 30 minuti e poi vedrò come utilizzarle in cucina.
Nelle biete ho creduto. Malatissime di afidi le ho trattate con il macerato di ortiche, omaggio di Andrea & Elisa, per uno strano caso compagni di yoga e di orto. Magia … i piccolissimi mostri neri sono scomparsi!
Grazie ragazzi, spero abbiate trovato la piantina di Gramigna.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su giugno 7, 2012 in di Vanga e di Zappa, orto

 

Tag: , , , , , , , ,

Plants Attacks! Aperitivo in-vaso

Insalata e rucola all’attacco

Pomodori all’attacco

Eccoli i 50 ortaggi all’attacco della città.
Giovedì saranno distribuiti durante l’aperitivo del Vanilla in via del Pratello 100 BO.

dunque mi spiego
io e Serena con il supporto di amici cari, stiamo lavorando al lancio di Gramigna, mappa invasiva delle aree verdi bolognesi, qui la pagina di facebook http://www.facebook.com/GramignaMap mentre la mappa vera e propria sarà pronta tra qualche settimana.
Si tratta di un progetto online in crowdsourcing che vuole far emergere l’interesse cittadino nei confronti degli orti urbani. Per noi sarebbe bello che tutti gli ortisti, anche chi “coltiva” un davanzale, fossero presenti nella mappa. Creare capitale sociale per poi…beh si possono fare tante cose.

In vista del lancio del sito e considerato l’entusiasmo che ci circonda, Sissa ci ha organizzato “Plants Attacks! Aperitivo in-vaso” al Vanilla in via del Pratello 100 Bo, giovedì 10 maggio.
Regaleremo piantine di basilico, insalate, rucola selvatica e pomodori in contenitori di riuso.

Ridiamo braccia (ma anche solo i mignoli) all’agricoltura!

 
4 commenti

Pubblicato da su maggio 8, 2012 in di Vanga e di Zappa, orto, Varie

 

Tag: , , ,

Innaffiato, concimato, riempito la botte

 
1 Commento

Pubblicato da su aprile 6, 2012 in di Rastrello, raccolto

 

Tag: , , , ,

Lezione autunnale. Tutti al verde!

Domenica 18 dicembre al Giardino Guido Rossa per la campagna abbonamenti di Radio Città del Capo, insieme a molti amici ed ortisti metropolitani

Siamo tutti al verde”, così Radio Città del Capo apre la campagna abbonamenti del 2012 con dibattiti, concerti & disco dance. La vera chicca? Una domenica mattina di guerrilla gardening in bolognina dove una colorata e variegata popolazione di cittadini si è cimentata con zappa e zuppa.
Per la Zappa prezioso è stato il contributo di Trame Urbane, per la Zuppa ci ha pensato l’associazione Oltre.

E’ dicembre … il primo inverno per queste giovani ortiste metropolitane.

Io e Serena balliamo, mangiamo e beviamo, se aspettassimo i frutti di orto47 moriremmo di noia (e di fame)!

L’orto è in letargo.

A metà ottobre abbiamo acquistato una serie di piantine già belle grandi. Secondo i nostri calcoli avrebbero dovuto farci divertire per tutto l’inverno.

Radicchio rosso tardivo, puntarelle romane, insalata gentile, pan di zucchero, bietola, radicchio Luisa tardivo, cipolle di Tropea a go go, salvia e una bellissima Dalia. Edonismo puro!

Sapevamo che la dalia avrebbe perso vitalità e sarebbe presto caduta in uno stato di morte apparente, abbiamo deciso di viverci gli ultimi giorni di fioritura rigogliosa per poi salutarla in pace e aspettarne il ritorno in primavera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma gli ortaggi, quelli ci hanno praticamente gabbato. Sono trascorse settimane, mesi … ma nulla si è mosso neppure di un cm. Neppure le puntarelle che promettevano tanto bene!

Ortaggi: “Sorry it was fekkin late…bimbe in ottobre non si pianta più nulla”
Noi
: ma come è stato bel tempo, sole, luce e poi eravate già grandicelle, “tardive”no? … ma tardive per nulla!!
Ortaggi
: “ragazze vabbè tardive, ma si pianta a fine agosto. Mica siamo tardone!!!!”

La lezione appresa: da settembre e febbraio-marzo non si pianta nulla!

Nessun raccolto ma gli auguri di Natale si…volentieri.

Non vedevamo da un po’ i nostri vicini Davide e Gildo, Federico e Andrea, ma anche Valentino e Andrea a cui diamo del lei. In primavera-estate l’orto chiama almeno 1 volta al giorno, ma in inverno …

Ancora la sciarpa profuma di caminetto.

Andrea anarchico e autarchico ha portato le birra autoprodotta e 2 torte salate.
Fiumi di vino e bei sorrisi. E buon Natale a tutti!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su dicembre 20, 2011 in orto, Varie

 

Tag: , , , , , ,

Riflessioni sui tempi di raccolta

Raccolto di luglio

15 luglio 2011

Proprio come il qb nelle ricette, non l’ho mai capito! Quanto basta a cosa?
Così come sinceramente è dura capire quando raccogliere una zucchina, una melanzana e anche l’insalata.
Pensate sia un dilemma superfluo? Beh trovatevi di fronte ad una zucchina di 50 cm e poi capirete che … non è facile. Avrei dovuto raccoglierla prima, certo. Ma quando? 3 gg prima sembrava avidità “Ma no, la lascio un altro po’ così cresce” seeee e poi la pianta soffre, le compagne non hanno linfa e lei non sa più di zucchina ma di acqua fresca! Non esiste letteratura popolare, né proverbi né indicazioni pratiche, nemmeno la luna dà suggerimenti.
Esperienza, conoscenza della propria terra. Ecco cosa ci vuole!

Orto47 suq estivo

L’Orto47 in estate assomiglia ad un suq, un mercato rionale. Le regole ci sono ma non si vedono. Sembra tutto a caso, un ordine nuovo fatto di spazi condivisi e di tanta vitalità. Il mais troneggia, la lavanda spicca, i pomodori pendono per pesantezza (ce la faranno?), cetrioli e zucchine invasive. Anche credere a chi dice che le piccolissime piantine di zucchine diventeranno esseri voraci di spazio in espansione costante, anche per questo è necessaria esperienza!

Sul tema “Quando?” è interessante la storia delle zucche che assomigliano alle zucchine ma se le raccogli sbagli, determini la drammatica fine di una giovane e promettente zucca che la natura colora di verde nel primo mese di vita, la pianta cresce e fiorisce esattamente come se fosse una zucchina.

Pare  che le giovani zucche soffrano di crisi d’identità nei confronti delle più mature zucchine, dalla pianta molto ma molto simile!

Zucche e zucchine crescono

Per cui capita di regalare una zucchina a Cecilia giunta c/o l’Orto47 per un aperitivo estivo e purtroppo scoprire che hai sbagliato i tempi. Era una zucca e ci volevano ancora 1 o 2 mesi prima di poterla mangiare! 😦

Da lontano…il nostro vicino di orto. Da notare la dimensione delle sue piante…

 
2 commenti

Pubblicato da su luglio 19, 2011 in raccolto

 

Tag: , , , , , ,

Mai mangiata insalata così buona

Insalata & Bufala

23 maggio 2011

Senza dubbio stasera ho mangiato l’insalata più buona che ci sia.
Non esiste al mondo una ciotola d’insalata più fresca di quella che vedete.
La foto è si un omaggio alla gita napoletana appena conclusa, ma a ben vedere si distingue nitidamente l’insalata dell’Orto47.

Tenera e saporitissima arricchita di olio calabrese, aceto balsamico e semi di girasole.
Questa sera di fine maggio io e Serena abbiamo mangiato i primi frutti del nostro orto.

Menzione speciale alla mozzarella di bufala DOP semplicemente unica. Geniale nel suo essere così a portata di mano comodamente c/o i gate dei voli nazionali di Capodichino. La praticità dei napoletani…
Alcuni napoletani poi sono speciali ed io li conosco! Dedico la prima insalata dell’orto a loro e ad Angelica.

 
8 commenti

Pubblicato da su maggio 23, 2011 in di Vanga e di Zappa, In cucina

 

Tag: ,

Tripudio di primavera

Questo slideshow richiede JavaScript.

13 maggio 2011

Orto47 procede velocemente.

Nuovi arrivi di primavera direttamente da casa di Serena, la nostra unica e ufficiale zona semenzaio di Piazza Maggiore. Serena ha trapiantato nel terreno le sue piantine di: zucche, zucchine, porri, germogli di spinaci e 1 peperone, gentile omaggio dei nostri vicini di orto, gli Ingegneri Anarchici Antinucleari ovviamente.

Il nostro orto è ora popolato e di ottimo umore, con rigogliose prospettive primaverili.

Un personale ringraziamento anche a Terminator che ha costruito una mini serra a protezione dei nostri pomodori.

Ad oggi la Zona Pomodoro ospita diverse tipologie di piante provenienti da ogni dove, persino Calabria, ma anche da altri orti vicini. Abbiamo ricevuto diversi gesti di solidarietà dopo la brutta botta della scorsa settimana. I vicini ortolani hanno contribuito in vario modo alla riscossa.

Le fragoline di bosco stanno bene, gli abbiamo costruito una veranda con il sacco di iuta omaggio di Ste. Non sarà una veranda fresca come il bosco romagnolo di Ranchio ma le fragoline sembrano apprezzare. Qui dalle parti della panchina stanno di casa anche i fiori, calle e garofani. Oltre alla menta, che rappresenta solo l’inizio del nostro Angolo Erbe Aromatiche.



Anche la lavanda ci omaggia di molti boccioli di fiori. Per non parlare della vite, che soddisfazione.

L’insalata credo si senta molto a suo agio nell’Orto47, lei è la padrona di casa tutto sommato essendo l’unica nata qui.
Insomma, un gran movimento all’Orto47 in solo 1 settimana!

Serena ha fatto un gran lavoro.
Pare ci sia anche una sorpresa per me…devo assolutamente andare a vedere di cosa si tratta!

 
5 commenti

Pubblicato da su maggio 14, 2011 in di Vanga e di Zappa

 

Tag: , , , , , , , , ,